ORO INCENSO E MIRRA

 

Così credeva il povero sovrano

di conservare a vita il proprio regno,

il bimbo eliminando in modo insano.

Ma non andò a buon fine il suo disegno

 

ché, dopo la partenza dei tre magi,

un angelo a Giuseppe apparve in sogno,

dicendogli: «Degli uomini malvagi

il bimbo stan cercando: c’è bisogno

 

che con tua moglie vada via in Egitto

e vi rimanga fino a quando il male

che Erode compie non sarà sconfitto»

A quel comando sovrannaturale

 

Giuseppe diede ascolto e il dì seguente

col piccolo Gesù e con Maria

si mise in viaggio sotto un sole ardente

per preservare al mondo il suo messia.

 

Durò parecchi giorni quel cammino

ed una delle notti, lì all’aperto,

dormirono la madre col bambino

ai piedi della Sfinge nel deserto

 

nel mentre le piramidi, al chiarore

del cerchio della luna e delle stelle,

a guardia del futuro Redentore

svettavano, silenti sentinelle.

Share
This entry was posted in Bambini e ragazzi, Poesia, Prosa. Bookmark the permalink.

Lascia un commento