ORO INCENSO E MIRRA

 

La voce sull’angelica creatura

e sui tre saggi giunti da lontano

raggiunse Erode che per la paura

di perdere il suo ruolo di sovrano

 

i capi convocò dei sacerdoti

e degli scribi con il chiaro intento

che dessero pareri certi e noti

sul bimbo nato e il luogo dell’evento.

 

E quelli gli risposero: «Sta scritto

che un re avrà i natali a Betlemme»

Allora Erode volle trar profitto

dai magi giunti lì a Gerusalemme

 

e li chiamò a palazzo per avere

notizie più precise sul bambino,

perché temeva per il suo potere.

Or quando vide i segni del destino

 

il re rimase molto impressionato

e chiese ai forestieri di avvisarlo,

qualora il bimbo avessero trovato,

ché lui potesse andare ad adorarlo.

Share
This entry was posted in Bambini e ragazzi, Poesia, Prosa. Bookmark the permalink.

Lascia un commento